Lo specchio dei figli

Osservando le difficoltà dei nostri figli possiamo comprendere noi stessi e migliorare la qualità del rapporto con loro.

Come genitori commettiamo degli errori, ma che meraviglia accorgersene e non perdere neppure un istante nei rimpianti, sensi di colpa e accuse.

Il tentativo di essere genitori perfetti è un grave errore: ci rende ciechi a questi o ci costringe a cercare un capro espiatorio intorno a noi a cui addossare la colpa dei fallimenti educativi, di solito il partner o la scuola.

Sbagliamo, non esiste la scuola per essere genitori, e i conflitti irrisolti con i nostri genitori divengono   gli stessi atteggiamenti proiettati sui figli oppure il suo opposto esasperato.

Cosicché se non ci siamo sentiti amati possiamo soffocare di attenzione i nostri figli divenendo iperprotettivi oppure possiamo “seguire” la tradizione di famiglia divenendo a nostra volta distratti, assenti  distanti, persi nelle proprie cose.

Consapevolezza delle dinamiche, di quello che sta accadendo , accettazione, perdono sopratutto a sé stessi per avere sbagliato e poi a coloro che ci hanno ferito con lo stesso comportamento, in questo modo si opera una pulizia profonda dei propri cosiddetti “errori” per un presente e un futuro sereno e luminoso

Dorothy Nolte autrice del libro ” I bambini imparano quello che vivono, sintetizza egregiamente in una poesia come il carattere che va formandosi dei nostri figli sia lo specchio dell’ambiente in cui vivono .

Ho ripreso la sua celeberrima poesia, concedendomi licenza di porre qualche variazione personale, scaturita da trent’ anni di esperienza come docente e facilitatore nelle costellazioni familiari

Se i bambini vengono criticati, imparano a giudicare e a temere il giudizio
Se vivono nell’ostilità, imparano ad aggredire o a giocare il ruolo della vittima
Se vivono nella derisione, imparano l’insicurezza o il sarcasmo saccente
Se vivono nella vergogna, imparano a sentirsi colpevoli o superbi

Se vivono nella tolleranza,  imparano a essere pazienti.
Se vivono nell’incoraggiamento, imparano ad accogliere le sfide.
Se vivono nella lealtà, imparano la giustizia.
Se vivono nella disponibilità, imparano la fiducia.
Se vivono nell’approvazione, imparano ad accettarsi come sono.
Se vivono nell’accettazione, imparano ad amarsi.

Lasciamo in eredità ai figli quelle parti di noi che non abbiamo saputo trasformare in amore, riconciliazione e perdono, ed è perfetto e giusto così.

Noi abbiamo camminato lungo il nostro sentiero e passato il testimone: la vita, e se insegniamo ai nostri figli ad accettarla così come l’hanno ricevuta, accettandola a nostra volta così come l’abbiamo ricevuta  dai nostri genitori abbiamo fatto il miglior lavoro possibile, abbiamo vinto la lotteria del concorso genitori dell’anno, perché nel passargli la vita li abbiamo liberati dai fardelli del passato

Per approfondire, click sull’immagine sottostante o qui

9788817087506_0_0_1554_75

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...