MENTE NEGATIVA – MENTE POSITIVA – MENTE MEDITATIVA

 

24379559_d8ac0e8ea7

 

Se  parlo della mancanza d’amore, significa che conosco cosa sia l’amore, ho la percezione di cosa sia qualcosa e ne sento la mancanza, quindi da qualche parte l’amore c’è. Non posso trattare una mancanza se in me non è presente anche l’opposto.

Portare il discorso al positivo, a ciò che manca nel suo lato opposto, conduce a sé stessi nel lato evolutivo, propositivo.

Ad esempio non ho più fame può sostituirsi con sono sazio, non lasciarmi solo con stai accanto a me…..

L’attaccamento al negativo, alla sofferenza, fa parte del bagaglio individuale e collettivo della nostra cultura, ad esempio il concetto  che il cammino della redenzione debba passare dalla sofferenza,  la tendenza della mente a restare nello stato di sofferenza, tensione, paura. generate dalle passate esperienze

Nella struttura della personalità vi sono idee, giudizi, valori e credenze su ciò che crediamo di essere .

Questa struttura riveste e nasconde l’individuo a sé stesso.

I primi passi da compiere sono il passaggio da una mente negativa ad una positiva

Da ciò che manca a quello che c’è, dalla sofferenza alla accettazione della realtà così come è.

Abbiamo già incontrato diverse tecniche per questo cambio di prospettiva, in realtà l’idea che si può avere di sé stessi di essere incapaci è una trance, in quanto tutti gli individui in grado di intendere e volere possono apprendere, come primo intervento  a questa trance se ne può sostituire un’altra con un contenuto positivo, non è la soluzione del problema in quanto non si indaga alla radice del problema ma è un passo necessario anche se transitorio.

In poche parole  si passa da una mente negativa ad una mente meditativa, osservatrice imparziale del flusso delle emozioni passando da una mente positiva, orientata alle soluzioni e a trarre nutrimento da qualunque cosa ci accada.

Ciò può avvenire iniziando un movimento di gratitudine verso di noi e la realtà che ci circonda.

Se non apprezziamo noi  stessi, i nostri genitori, il nostro destino così come è offendiamo e rigettiamo il dono stesso della vita.

Il passaggio dalla mente negativa alla mente positiva è un passo essenziale per giungere alla mente meditativa, in grado di accettare le cose così come sono con un profondo senso di gratitudine per la vita.

A seguire uno schema con alcuni esempi relativi al passaggio dalla mente negativa orientata a ciò che manca ad una mente positiva orientata a ciò che c’è.

QUELLO CHE MANCA QUEL CHE C’E’
RESPIRA SENZA TENERE GLI OCCHI APERTI RESPIRA AD OCCHI CHIUSI
SMETTI DI CORRERE TI VA DI CAMMINARE’?
NON RIMANERE LI’ IMPALATO ORA PUOI MUOVERTI
SONO TROPPO LENTO MI PIACE ANDARE PIANO
NON SONO BRAVO POSSO MIGLIORARE
NON SENTO  TENSIONI ORA SONO RILASSATO
NON TI CAPISCO PUOI CHIARIRE
SEI SEMPRE DISTRATTO PUOI PORTARE ATTENZIONE IN QUESTO ISTANTE?
NON ASCOLTI MAI NESSUNO ASCOLTAMI ORA SE PUOI

 

Una mente meditativa  è osservatrice della realtà da uno spazio di totale accettazione e priva di giudizio, in linea col tutto e quindi con il Divino che il tutto include, accoglie e ama.

L’accesso a questo stato di coscienza  si ottiene nell’agire attraverso il perdono, l’accettazione, il riconoscimento delle cose come sono, la gratitudine, mentre nel riposo si ottiene attraverso le pratiche meditative che ci conducono al distacco dal flusso di pensieri, nella beatitudine della mente osservata dal punto di vista del testimone, di colui che osserva i pensieri senza esserne catturati.

Il vantaggio del perdono è tra le altre cose la dissoluzione del passato, il tempo è un elemento inesistente in natura, mentre esiste un tempo psicologico, creato dalla mente attraverso i ricordi e l’idea di come potrebbe essere un futuro altrettanto inesistente.

Il passato si regge sul rancore, sull’odio, sulla mancanza, sulle ferite, questo crea la sua falsa realtà e se noi perdoniamo ciò che è accaduto il passato scompare.

Buone meditazioni.

Puoi trovare altre indicazioni sulla funzione del perdono in questo testo:

costellazioni-familiari-sistemiche BANNER

http://www.ilgiardinodeilibri.it/libri/__costellazioni-familiari-sistemiche

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...