Ragionare in maniera sistemica per capire come funziona il legame con gli altri

 

genitori e figli

Per ragionare in maniera sistemica, dobbiamo cambiarci d’abito e lasciare andare qualche vecchia abitudine.

Conoscenza e cultura sono anche condizionamento e viviamo immersi in un ambiente che ci trasmette determinate credenze.

Queste sono ottimi strumenti per orientarci nel mondo, ma possono essere migliorati.

Il  nostro destino è molto più legato a ciò che è accaduto ai nostri familiari di quanto crediamo, e osservare noi stessi in maniera sistemica significa inserirci nel contesto della nostra famiglia, capire le profonde influenze che ciascun membro del sistema esercita su di un altro.

Se osserviamo un sistema familiare, la nostra attenzione si dirige verso ciò che accade tra le parti mentre interagiscono.

Immaginiamo un padre ed un figlio

Ciò che li unisce è la linea di sangue e loro, insieme a tutti gli altri consanguinei, sono indissolubilmente legati l’uno all’altro; ciò che accade alla vita di uno influenza l’altro , anche se queste persone non si sono mai conosciute o non si parlano più.

Per esempio, padre e figlio in litigio a causa di dissapori mantengono vivi diversi legami che possiamo chiamare colpa, rancore, rabbia, dolore. Allo stesso modo se vigono comunicazione e vicinanza, ciò che unisce è amore, riconoscenza, rispetto.

Se il padre improvvisamente muore, una buona domanda è: “Che cosa rimane di tutto questo?”

Il cambiamento riguarda solo un elemento ma il sistema non sarà più quello di prima.

Il modello sistemico ci sta insegnando che all’interno della famiglia esistono delle regole che fanno funzionare il sistema in un certo modo. Conoscerle è indispensabile come imparare a pedalare se si vuole andare in bicicletta.

La visione sistemica ci conduce a osservare il mondo come un insieme di parti interagenti, in cui ciascun elemento è interdipendente attraverso processi in continuo divenire.

La maggior parte di noi è stata educata a ragionare secondo modelli di pensiero lineari e secondo il principio di causa-effetto. Per questa ragione siamo alla costante ricerca di una causa alla radice degli eventi; in un litigio, per esempio, spesso ci smarriamo nel tentativo di individuare chi lo ha generato.

Il principio di causa effetto, applicato a sistemi complessi come le relazioni umane non funziona, impareremo altri modelli di pensiero molto più efficaci del cercare cause dando o sentendoci in colpa, biasimare, condannare, escludere.

Osservare il mondo in maniera sistemica ci consentirà di assumere una posizione e una visione esterna al sistema, di sostituire il sentimento di colpa con quello di responsabilità, di sentire quanto male fa a noi il biasimo o il giudizio, e di capire l’intima e pr fonda connessione con i nostri avi.

Se ti appassiona l’argomento, puoi trovare la prosecuzione di questo capitolo all’interno di questo volume:

costellazioni-familiari-sistemiche BANNER

COSTELLAZIONI FAMILIARI SISTEMICHE

Clicca sul banner o sul link, buona vita a te.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...